PNG - 57 Kb
italiano | français | Español | English

Il RINASCIMENTO LUNGO

è la mia materia di lavoro e d’impegno costante, sia professionale sia mentale.

JPEG - 14.1 Kb
La Città Ideale

Per Rinascimento Lungo dobbiamo intendere un periodo storico che va dal XIII secolo fino a tutto il XVIII. Il cuore del periodo, i secoli XV e XVI, costituisce il Rinascimento comunemente inteso ed è in quel periodo che si colloca la nascita di tutta la ‘modernità’: come pensiero, come metodo di ricerca, come visione del mondo.

Con gli umanisti, gli eruditi di quel periodo nasce, alla fine del secolo XV, il teatro modernamente inteso, la Commedia Umanistica. Presto, negli anni Trenta del Cinquecento, nasce il Professionismo: la Commedia dell’Arte.

JPEG - 65 Kb
Teatro Palladio di Vicenza - Italy

Bene: qui, è il luogo dell’approccio a questo mondo, a questa cultura, attraverso le discipline teatrali, nate allora, e proposte, studiate, inegnate e prodotte oggi; con lo sguardo proprio di un Rinascimento Lunghissimo.

È mia opinione che il Rinascimento sia tuttora in marcia.

JPEG - 80.4 Kb
Chrysler Tower Gargoyles - New York - USA

La cultura teatrale odierna tente al frazionamento, alla separazione in ‘generi’ distinti di ciò che, nei grandi secoli del Rinascimento, era assemblaggio di componenti irrinunciabili e obbligatoriamente associabili: il tocco di ‘assurdo’ non era dissociabile dal realismo più crudo; è mio progetto riassociare, col gusto e la sapienza che ereditiamo da quell’epoca straordinaria, ciò che è stato ridotto a schegge concettuali.

La Commedia dell’Arte, come quella Umanistica e via via la Barocca e quella del periodo Illuminista, è teatro. Puro, purissimo teatro. È il regno dell’attore, al servizio del suo unico padrone: il pubblico.

Antonio Fava